Chi sono

Fabrizio AltieriSono nato e vivo a Pisa, sono ingegnere e insegno in un Istituto Professionale. Ho la fortuna di avere la passione dello scrivere e la responsabilità di pubblicare libri per ragazzi e per bambini con Il Battello a Vapore (PIEMME) ed Einaudi Ragazzi

Faccio parte dell’Associazione Italiana Scrittori per Ragazzi ICWA (Italian Children Writers Association).

Se vuoi invitarmi nella tua scuola per incontrare i ragazzi ti prego di leggere le linee guida per gli incontri con l’autore in classe riportate in questa pagina.

Scopri tutti i miei libri

 0 – 5 anni

Clicca qui

 12+ anni

Clicca qui

Ultime pubblicazioni

 

2017 “Tre amici e un cavallo”, Einaudi Ragazzi, collana Storie e Rime, fascia di età 10+.

 

 

2017 “L’uomo del treno“, Il Battello a Vapore, fascia di età 12+.

 

 

geranio, il cane caduto dal cielo2016  Geranio, il cane caduto dal cieloIl Battello a Vapore, Serie Azzurra, fascia di età 7+.

 

 

 

Come sopravvissi alla prima media

2015:Come sopravvissi alla prima mediaEinaudi Ragazzi, collana Storie e Rime, fascia di età 10+.

 

 

Battello a Vapore

2015:Lo strano caso della libreria DupontIl Battello a Vapore, Serie Arancio, fascia di età 9+.

 

 

rp_copertina.jpg

2014:C’è un ufo in giardino!” Il Battello a Vapore, Serie Azzurra, fascia di età 7+.

 

Compra su Amazon

Dalla postfazione di ‘C’è un ufo in giardino!

Da bambino mi divertivo a inventare e disegnare macchine incredibili e complicatissime. Alcune dovevano servire a risolvere miei problemi personali, come la macchina per fare il bagno senza alzarsi dal letto o la mitragliatrice a merendine. Sparava raffiche di merendine e se uno stava a bocca aperta alla giusta distanza poteva mangiarne moltissime in poco tempo. Prima di metterla in commercio l’avrei provata su me stesso, ovviamente.

I miei libri

Altre invenzioni invece dovevano risolvere i problemi del mondo. Ad esempio tentai di inventare una macchina per la felicità, ma non ci riuscii. Quando le persone mi chiedevano cosa volevo fare da grande rispondevo che non ci tenevo molto a diventare grande, visti gli effetti che ciò comporta sulla gente, ma se proprio fosse accaduto avrei voluto essere un inventore. A questa risposta loro sorridevano con quel tipo di sorriso che vuol dire: ‘È proprio una cosa da bambini’. È un sorriso che i grandi sanno fare benissimo, non si sa come lo imparino. Una volta cresciuto ho capito che quelle persone avevano ragione: fare l’inventore è proprio una cosa da bambini, non da adulti. Così  ho deciso di diventarlo, perché i sogni che contano veramente sono quelli che si fanno da bambini, e ho iniziato a inventare storie che facessero ridere, commuovere e stupire chi le legge. E dopo tanti anni sono finalmente riuscito a costruire la macchina della felicità: è portatile, leggera e colorata. Si chiama ‘Libro’.  

I miei libri

HOME

Potrebbero interessarti anche:

Chi sono