Gli scrittori e la C.I.A.

Amazon tutto per la scuola in sconto clicca qui

“Come faccio a spiegare a mia moglie che quando guardo fuori dalla finestra sto lavorando?”

Indice di tutte le schede clicca qui

Iscriviti alla mailing list

Libri 6 – 9 anni  Libri 10 – 12 anni  Come sopravvissi alla prima mediaLibri dai 12 anni  Libri gialli

Joseph Conrad dicendo questo mette in luce una verità ancora più profonda: lo scrittore non ‘stacca’ mai. Di solito in ogni lavoro quando torni a casa pensi ad altro e fai altro. Il lavoro occupa certe ore della giornata, oltre quelle ci si dedica ai nostri hobby, alla persona amata, alla playstation…

Ma lo scrittore… lo scrittore in qualunque momento della sua giornata sta all’erta, capta, osserva, anche non volendo, anche quando sarebbe normale pensare ad altro, come me ieri all’ospedale.  E’ più forte di lui. Non si può pensare ad altro perché qualsiasi ‘altro’ fa parte della vita e lo scrittore, come un aspirapolvere, deve aspirare la vita che gli sta intorno. E poi la riutilizza quando scrive.

Solo un altro mestiere è paragonabile a quello dello scrittore: l’agente segreto. Anche loro non staccano mai, solo che hanno una vita un po’ più movimentata del povero scrittore…

Condividi questa pagina
Le schede su questo sito non riguardanti i miei libri sono prese dal web. Non voglio violare alcun diritto d’autore. Se hai riscontrato una mia involontaria violazione clicca qui. Grazie

4 commenti su “Gli scrittori e la C.I.A.”

  1. Quanto hai ragione Fabrizio… spero tu mi sia stato accanto in questi giorni, mentre ero in pellegrinaggio. Le idee sono fioccate nel continuo contatto con la vita, e ti informo che intendo riprendere gioiosamente a scrivere, sfruttando questi ultimi tempi di vacanza!
    Un saluto, ci vediamo presto!

    Rispondi
  2. non per deluderti ma credo che ci siano molti altri lavori così… per esempio il poeta, l’editore, chi opera nelle forze dell’ordine, il politico (!), il giornalista, l’imprenditore…

    Rispondi
  3. …caro Fab,
    ho pensato spesso alla mia ‘casa’ ideale.
    E finché no la realizzerò non mi sentirò la scrittrice che vorrei essere.
    Si tratta di una casa minimalista fatta solo esclusivamente di un telaio che regge una finestra. E basta!
    Che ne pensi?
    E’ vero ciò che dice Contrad, non si stacca mai? Gli scrittori, come i poeti, che vedono con l’anima che osservano respirando profondamente, hanno solo bisogno di
    guardare sempre qualcosa e, se occorre, anche da una finestra, come se questa fosse la pagina di un libro…

    http://www.youtube.com/watch?v=lDCELCR34EU

    Anche altre categorie, ma per finalità meno ‘nobili’!
    Grazie sempre per queste citazioni stimolanti.
    Elena

    Rispondi

Lascia un commento