Scarica le schede didattiche dei miei libri CLICCA QUI

Gli sguardi di Fabriano

Schede con i libri da proporre per le letture

itis Merloni

 Ieri ho fatto un incontro con i ragazzi dell’ ITIS Merloni (quello delle cucine, proprio lui) a Fabriano e grazie a loro ho visto alcune cose che non avevo mai visto.

Chi scrive sa una cosa: la maggior parte di quello che si trova nelle proprie opere te lo fanno notare i tuoi lettori. Che il lettore sia il supercritico del tal quotidiano o un ragazzo di quindici anni non è importante.

Un esempio? Si parlava di un pezzo del mio primo romanzo “Il caso Cicciapetarda” e abbiamo convenuto che il moralista che vede un uomo nudo che balla benissimo vede solo un uomo nudo e non come è bravo a ballare. Vede un particolare insignificante, non l’essenziale, perciò si scandalizza.

E che l’arte è l’espressione dell’umanità delle persone senza serie A e serie B. L’hip hop non è meno arte di Puccini, anche se sono due cose diverse.

Abbiamo infine convenuto che somiglio a Spalletti, ma questo lo sapevamo già, sia io che lui.

Grazie ragazzi di Fabriano.

Condividi questa pagina
Alcune schede su questo sito non riguardanti i miei libri sono prese dal web. Non voglio violare alcun diritto d’autore. Se hai riscontrato una mia involontaria violazione clicca qui. Grazie

5 commenti su “Gli sguardi di Fabriano”

  1. L’arte è un dono nobile che riguarda chi la esprime nelle sue opere e chi la sente vibrare vivendola di luce riflessa…

    Rispondi
  2. Forse quando si tende a restringerla ,a circoscriverla in uno steccato dove l’accesso è dato solo agli stolti ,allora l’arte diventa sempre più dozzinale e non opera comune che fornisce energia a chi sa resprirarla

    Rispondi
  3. Credo però che l’Arte – con la “A” maiuscola – nonostante i pregiudizi dovuti alla situazione storica propria del momento in cui essa si manifesta, alla lunga vince ed viene apprezzata universalmente.

    Ascoltate il Capolavoro di Satchmo, West End Blues: http://www.youtube.com/watch?v=f5Hbh_-IRs8.

    Quando il Jazz iniziò ad affermarsi nei primi anni del ‘900, era considerata musica da bordelli (e in effetti lo era in senso stretto) per “negri”. Oggi la suonano i migliori musicisti (bianchi e neri) contemporanei.

    Tuttavia il vecchio che ballava nudo lungo i binari forse non vivrà abbastanza per avere il suo momento di gloria 😉

    Rispondi
    • Grazie a Leandro e a Lo Snaso per essere intervenuti. Non è un argomento semplice quello di cui trattiamo e sono grato ai ragazzi di Fabriano per averlo suscitato. Dite la vostra!

      Rispondi

Lascia un commento

Non hai trovato le schede che cercavi? Vai alla pagina di ricerca clicca qui

 

Un ultimo passo.

 

Per confermare l'iscrizione controlla la tua mail e clicca il link che vi troverai. Se non trovi la mail controlla nella cartella SPAM e la troverai lì. In tal caso segna la mia mail come 'Non indesiderata' altrimenti le prossime finiranno tutte nello SPAM.

A presto!

Gentile insegnante clicchi i tasti sotto per andare alle pagine con le nuove schede da scaricare gratis.